martedì 4 dicembre 2018

ISTRUZIONI PER DIVENTARE FASCISTI di Michela Murgia

Guardo la televisione, leggo notizie, esco, vado in giro, parlo con la gente e mi rendo conto della situazione che c'è in Italia in questo periodo: allarmismo per qualsiasi cosa, facile indignazione, paura un po' per tutto e un continuo incitamento all'odio, con alla base una generale scarsa capacità di ragionamento e spirito critico.
Il perché questo libro sia stato scritto, e perché debba essere letto, per me è molto ovvio e comprensibile, anche Michela Murgia vede la deriva che sta prendendo questo paese e ne vuole discutere; ma a quanto pare non è così per una parte di italiani, che hanno attaccato pesantemente l'autrice sui social, con offese irripetibili e accuse totalmente campate in aria, a mio parere (perché sono convinta che la maggior parte non abbia nemmeno letto il libro in questione).
Quindi, in questo post, mi voglio soffermare principalmente su questa cattiveria gratuita che ho riscontrato ad esempio in molti commenti su Twitter (perché è lì che ho seguito di più la vicenda).
Prima però vi riporto le parole di Murgia, all'interno di Istruzioni per diventare fascisti, per farvi capire come questo saggio parla del fascismo e del pensiero che vi ruota attorno:


"Essere democratici è una fatica immane. Significa fare i conti con la complessità, fornire al maggior numero di persone possibile gli strumenti per decodificare e interpretare il presente, garantire spazi e modalità di partecipazione a chiunque voglia servirsene per migliorare lo stare insieme.
Inoltre non a tutti interessa essere democratici.
A dire il vero, se guardiamo all'Italia di oggi, sembra che non interessi più a nessuno, tanto meno alla politica.
Allora perché continuiamo a perdere tempo con la democrazia quando possiamo prendere una scorciatoia più rapida e sicura? Il fascismo non è un sistema collaudato che garantisce una migliore gestione dello Stato, meno costosa, più veloce ed efficiente?



Tutto ha inizio sotto i tweet di Michela Murgia in cui, giustamente, pubblicizza e parla del suo libro. I commenti sotto sono allucinanti. Niente critiche, perché ammettiamolo: non sappiamo fare critiche, soprattutto costruttive; ma una quantità inimmaginabile di insulti e offese soprattutto sull'aspetto fisico. Una vera bassezza, ma naturalmente quando mancano gli argomenti e la capacità di discutere si va sempre a parare lì, così per zittire l'avversario. Viene addirittura accusata di attaccare tutti gli italiani (tutti??) e i valori su cui si basa la nostra Repubblica.
Accuse assurde, senza senso, buttate lì senza pensarci troppo su, un po' tutte uguali se devo essere sincera, nessuno che si distingua veramente dal coro di nefandezze e volgarità per originalità o fantasia.
Poi arriva la Casa Editrice Einaudi che con un tweet difende la sua autrice, definendo quello di Michela Murgia un pensiero LIBERO e COMPLESSO (complesso sicuramente visto che in molti non l'hanno proprio capito). Si scatena il finimondo nei commenti, gente indignata per la presa di posizione della CE che viene accusata di essere un parassita e di cavalcare l'onda del momento solo per vendere più copie e fare più soldi.

Tutta questa gente che ha sprecato momenti preziosi della loro vita commentando duramente su Twitter, invece di fare qualcosa di più costruttivo o utile per loro e l'umanità, ad esempio stare zitti e fissare un muro (che sarebbe stato sicuramente più utile), hanno perso l'occasione di fermarsi a riflettere su un argomento importante e attuale, che al momento occupa gran parte della nostra quotidianità. Potevano farsi delle domande costruttive, della serie: "Come mi sto comportando?", "Ma questi pensieri li condivido anch'io? E perché?", "Sto sbagliando in qualche modo?"...
E invece no. Perseverando con questo comportamento e con la bassezza delle offese ad autrice e Casa Editrice hanno dimostrato palesemente di non aver capito niente, di non aver colto la provocazione e di non riuscire proprio a riflettere seriamente e consapevolmente sul contenuto di questo libro.
Ma invece si sentono chiamati in causa, punti sul vivo, accusati (a loro dire) di essere dei fascisti che rimpiangono "gli anni d'oro" di Mussolini e quindi cosa fanno? Reagiscono con rabbia, sdegno e indignazione, perché a quanto pare: "Puoi dirmi quello che vuoi, puoi insultarmi, ma non puoi darmi del fascista!!!!111!!!!" aggiungendo ogni tre per due "E allora il PD????" (così perché ci sta sempre bene).
A questo punto è evidente che questa gente associ il fascismo a una cosa negativa, altrimenti non si offenderebbero quando vengono apostrofati con tale epiteto, ma allo stesso tempo condividono con questa ideologia gran parte delle idee, modi di pensare e di agire. Sinceramente faccio fatica a capire il ragionamento logico che sta alla base. È come se una persona che non mangia carne pesce e derivati, ma solo verdura e legumi, non volesse essere etichettata come vegana, arrabbiandosi come una biscia, e sostenendo con veemenza di essere un'onnivora come tutti, ma che non mangia prodotti animali.
Non so voi, ma a casa mia se cammina come un'oca, fa "qua" come un'oca... è un'oca!!

Gente che minaccia di boicottare Einaudi per sempre perché pubblica e appoggia pubblicamente Murgia, accusando la Casa Editrice di nefandezze (senza specificare quali), di volerci solo guadagnare (beh, obiettivamente sarebbe anche il suo lavoro), di essere dei traditori della patria (che è un'accusa che gira molto ultimamente, sembra vada di moda) e molto altro; arrivando a concludere dopo affermazioni sparate a casaccio che sono proprio loro a comportarsi peggio dei più tristi regimi dittatoriali, senza rendersi conto di star dicendo un vero e proprio paradosso. Perché in un regime questo libro non avrebbe mai visto la luce purtroppo e autrice e Casa Editrice sarebbero state messe a tacere, probabilmente dopo essere state insultate, "criticate" e denigrate.

Credo che Michela Murgia abbia colpito proprio nel segno con questo saggio, perché se ti senti colpito nel profondo, attaccato sul lato personale e offeso da questo libro... beh, questo dice molto di più su di te che sul libro stesso.
Io personalmente, leggendolo, non mi sono sentita chiamata in causa nemmeno una volta, quelle frasi non mi rappresentano non fanno parte di me, del mio parlato e modo di pensare, sono lontane da me e quindi non mi offendono; ma al contrario riconosco questi comportamenti e pensieri attorno a me, vedo persone ottuse che reagiscono sempre di pancia e mai di testa, che non riescono a ragionare su un concetto, che non hanno una vera opinione ma sputano solo insulti, che ogni volta pretendono di avere ragione, sentendosi in dovere di condividere qualsiasi pensiero attraversi la loro mente e di poter dire assolutamente tutto quello che vogliono (soprattutto offese), millantando una libertà di parola e opinione che, lasciate che ve lo dica, non è certo questa.
Tutto questo mi fa paura. Molta paura.

In questo saggio breve ma ricco di spunti di riflessione, Michela Murgia fa un paragone tra democrazia e totalitarismo, e più nello specifico si parla di fascismo, schierandosi ironicamente (parola chiave) a favore di quest'ultimo.
È un'intelligente e accurata provocazione, che ci permette di riflettere su il periodo politico e sociale attuale e su dove tutto questo potrebbe portarci.
Con una massiccia dose di ironia e sagacia Murgia dimostra di conoscere e di saper usare le parole in modo eccelso, c'è una certa maestria e studio nello scegliere sempre i termini giusti, sa unirli e armonizzarli in modo che diventino uno strumento utile per far passare un messaggio importante, ma anche per farli diventare una vera e propria arma che sa quando e come ferire.
Dimostra anche di conoscere la storia, la nostra storia, soprattutto quella parte di storia italiana oscura e sottovalutata che tutti preferiscono ignorare, girando la testa dall'altra parte credendo che così possa sparire... magari è proprio per questo che ci stiamo ricadendo dentro con tutte le scarpe.

giovedì 22 novembre 2018

A VOLTE RITORNANO (PARTE 2)...

È di un anno fa il post in cui vi raccontavo di alcuni problemi di salute che avevo avuto e che mi avevano tenuto lontana dal blog (per chi non sapesse di cosa sto parlando lo può recuperare QUI).
Alla fine di quel post ero molto ottimista e fiduciosa sul mio ritorno a occuparmi di questo mio piccolo spazio e soprattutto convinta di riuscire a riprendere il mio ritmo di lettura abituale. Mi ero resa conto che non era il caso di fare promesse che non sapevo se sarei riuscita a mantenere, avevo parlato di tanti progetti, ma senza entrare nello specifico e senza dare scadenze.
A questo punto dico che ho fatto bene, così non ho illuso nessuno, compresa me stessa.



Per farla breve, con l'inizio dell'anno le cose sono peggiorate drasticamente, la mia vita ha ricevuto una sterzata improvvisa, che non avrei mai e poi mai immaginato; e, senza entrare nei dettagli, mi sono trovata in una bruttissima situazione che è durata quattro mesi.
Infatti si può notare come io non abbia condiviso nulla nel blog nei primi mesi dell'anno.
Poi è sembrato ci fosse un piccolo spiraglio di luce alla fine del tunnel, dimostrato dal mio blando tentativo di partecipare, anche quest'anno, a quella bella iniziativa che è Il Maggio dei Libri (tre piccoli post che potete trovare scrollando indietro nel blog).
Ma poi tutto è andato a scatafascio, letteralmente, mi sono ritrovata senza terra sotto i piedi e c'ho messo un bel po' di tempo per riprendermi, ritrovarmi e soprattutto trovare la forza e la volontà di tornare qui e andare avanti.

Insomma, cambiamenti anche quest'anno, veri e propri stravolgimenti, peggio dell'anno scorso e ora che mi ritrovo a tirare le somme delle vicende appena passate posso dire tranquillamente, senza ombra di dubbio, in piena consapevolezza (potrei anche urlarlo) che quest'ultimo anno e mezzo ha fatto veramente schifo!!!

Non so come andranno le cose da ora in poi, ho paura a fare progetti a lungo termine perché la vita potrebbe stravolgermeli da un momento all'altro, ma confidando che le brutte cose siano finite, o almeno che per un bel po' di tempo non si riaffaccino più alla mia porta, faccio un secondo tentativo e provo a dire che sono tornata attiva nel blog.
Ritorno da voi ora, al mutare della marea (cit.) per dirvi che provo a ricominciare, voglio ripartire e lo faccio da qui.

Il primo passo che devo fare assolutamente è riprendere a leggere con un ritmo che mi permetta di avere una scorta di contenuti da poter condividere con voi, almeno ripartire con un post a settimana per poi ritornare ai soliti due, uno il martedì e l'altro il venerdì. E quindi devo cercare di uscire dal più grande blocco del lettore che io abbia mai visto in vita mia. Come può testimoniare la mia Reading Challenge 2018 su Goodreads non ho letto praticamente nulla quest'anno (e fortuna che mi ero prefissata un traguardo basso).
Visto che i libri che ho preso in mano fino ad ora non sono riusciti a sbloccarmi da questa situazione, un altro modo che conosco sono le ri-letture e sono pochi i libri che io rileggo per ricaricarmi:
  • prima di tutto la saga completa di Harry Potter (al momento sto terminando il secondo), perché J. K. Rowling è sempre una garanzia e riesce a infondermi una gran fiducia in me stessa;
  • poi sarà il momento di Persuasione di Jane Austen, perché è quel libro che mi aiuta a riacquistare fiducia nel mondo e nelle persone;
  • e alla fine, visto che si avvicina Natale, avrò bisogno di un bel mattone che mi sappia coinvolgere e intrattenere e in questo caso sono indecisa se seguire il mio primo istinto e buttarmi a capofitto ne Il Signore degli Anelli di Tolkien, oppure vedere se è arrivato finalmente il momento di rileggere uno dei miei libri preferiti di sempre, cioè Via col vento di Margaret Mitchell.
Non ho ancora deciso. Vi farò sapere magari in un post dedicato alle mie prossime letture.

Questo è un po' il punto della situazione, poi si vedrà.
Quasi dimenticavo di dirvi che anche quest'anno, i primi di dicembre, sarò a Roma per Più Libri Più Liberi. Ormai è diventato un appuntamento fisso, che non mi perderei per nulla al mondo, soprattutto perché mi permette di vedere fisicamente persone con cui tutto l'anno comunico solo virtualmente e a cui tengo in un modo spropositato: amicizie con cui ho molto in comune, mi diverto, mi sento a mio agio, estremamente importanti e la cui vicinanza mi aiuta anche ad affrontare meglio questi brutti periodi appena trascorsi.
Quindi ci vediamo lì, ma potrete seguirmi anche tramite Facebook, Twitter e, da quest'anno, anche su Instagram (sì, ho ceduto all'ennesimo social network) seguitemi perché ho intenzione di fare un sacco di foto!!!
Questo è veramente tutto.
Ora devo solo stare calma e ricominciare a prendere appunti!

martedì 8 maggio 2018

#IlMaggioDeiLibri: 20 ANNI DI HARRY POTTER || #BlogNotesMaggio

Questa è la terza settimana de Il Maggio dei Libri e #BlogNotesMaggio e il tema che accomunerà i post e i video che si susseguiranno in questi giorni (calendario a fine post) sarà gli #anniversari.
Ogni anno ci sono anniversari letterari importanti, più o meno conosciuti. L'anno scorso ricorrevano, tra gli altri, i 125 anni dalla nascita di J.R.R. Tolkien; i 150 dalla nascita di Pirandello; i 150 anni dalla morte di Charles Baudelaire e i 200 anni dalla morte di Jane Austen e per l'occasione vi avevo parlato del mio libro preferito di questa straordinaria scrittrice: Persuasione.
Anche quest'anno mi concentrerò su un libro piuttosto che sull'autore, perché ricorre un anniversario importante di un opera che è diventata a tutti gli effetti un classico della letteratura per ragazzi contemporanea: sto parlando di Harry Potter, e più precisamente del primo capitola Harry Potter e la pietra filosofale pubblicato in Italia nel maggio del 1998.



Mi riesce difficile parlare di questo libro e di tutta la saga in generale, non so esattamente il perché, ma mi piace talmente tanto e ne sono molto affezionata, da aver sviluppato delle manie a riguardo. ma non riesco a parlarne in modo esaustivo come meriterebbe.
Partiamo dall'inizio.

Vent'anni fa, quando uscì per la prima volta in libreria, diciamo che avevo l'età giusta per poterlo leggere, il problema era che non avevo la testa giusta. Ho sempre letto qualche libricino ogni tanto, roba leggera e poco impegnativa, fino al blackout letterario delle superiori. Durante quei cinque anni non ho aperto nemmeno un libro, ma neanche mezzo, e nonostante questo mi presentai alla maturità parlando non di uno, ma di ben due libri senza averli minimamente letti.
Lo so, sono una brutta persona e me ne vergogno.
Ma la passione per la lettura arrivò più avanti, negli anni dell'università e quindi mi ero totalmente persa l'ondata di entusiasmo per la saga letteraria di Harry Potter.
Fortunatamente ero in tempo, e soprattutto predisposta, per la saga cinematografica che mi appassionò sin dall'inizio e che vidi tutta al cinema.

Questa è la mia edizione, la quarta ristampa
Diverso tempo dopo aver visto l'ultimo capitolo in televisione, mi decisi a prendere in mano i libri, su consiglio di molte persone che mi spingevano da tempo a questo passo.
E fu amore a prima vista. Grazie ai libri mi sono addentrata di più in questo mondo magico creato dalla Rowling. Mondo incredibile da immaginare e riprodurre, e i film fanno un ottimo lavoro a livello visivo e in parte anche narrativo, ma la vera anima della storia la si può percepire e apprezzare solo attraverso i libri.
Sì i primi due sono leggermente infantili e decisamente identici alla trasposizione cinematografica; ma già dal terzo si cominciano a trovare elementi in più, che sono fondamentali per lo svolgersi della storia. Man mano che la saga procede tutto si arricchisce di particolari, di tasselli che poi trovano tutti una loro collocazione specifica un libro dopo l'altro; molte cose che nei film si sono perse per strada durante la produzione e che gli sceneggiatori hanno tralasciato perché ritenevano poco importanti.
In questi sette libri ho trovato un luogo sicuro, tranquillo e accogliente, in cui potermi rifugiare quando il mondo esterno è troppo crudo e reale ed io sento di aver bisogno di un po' di magia. Ogni tanto riprendo in mano la saga e la rileggo tutta; è diventata un po' la mia copertina di Linus nel momento del bisogno. Già dal primo libro provo molte sensazioni piacevoli, soprattutto di tranquillità, sicurezza e protezione, che mi accompagnano di libro in libro... so già dove mi condurrà la storia e non vedo l'ora di arrivarci.

Non so se è solo una mia sensazione personale, ma a me sembra che il lettore appassionato si senta in dovere di tramandare questa storia alle nuove generazioni che, grazie alla saga di Harry Potter, potranno crescere meglio e soprattutto in compagnia di straordinari personaggi che non li abbandoneranno mai.
E così, ad un certo punto, anch'io ho passato il testimone: mia nipote era molto restia a leggere libri che non avevano immagini, io mi sono limitata ad accennarle la storia e a passarle il primo libro, era piccolo e con la promessa che se non le fosse piaciuto me lo avrebbe tranquillamente restituito e io non avrei più insistito. Circa un mese dopo, tornò da me a chiedermi il secondo capitolo della saga, e gli altri li divorò in poco tempo per una bambina di otto anni.
Ora è un'invasata di Harry Potter come la zia... una zia molto orgogliosa!!

Per il ventennale sono state pubblicate delle edizioni speciali del primo volume in inglese, quattro in copertina rigida e quattro in copertina morbida, ognuna con i colori di una delle case di Hogwarts: Grifondoro, Tassorosso (o Tassofrasso), Corvonero e Serpeverde.
Io ho preso quella di Corvonero in copertina rigida (magnifica!!)
All'inizio si credeva che la casa editrice avrebbe pubblicato solo il primo libro in questa edizione, una piccola chicca da collezione per fan appassionati. Infatti in molti hanno comprato le otto copie credendo che la cosa finisse lì.
E invece no, con mossa commerciale astuta recentemente è stato annunciato che usciranno tutti e sette i libri in questa bellissima edizione, facendo precipitare i fan più accaniti nello sconforto perché dovranno vendersi tutti e due i reni, più un polmone, la milza e parte del fegato per potersi permettere l'intera saga.

Più magnanimi e onesti sono stati quelli della Salani che hanno detto fin da subito che per i vent'anni avrebbero ristampato subito tutti e sette i libri nella traduzione nuova, ma con le copertine originali della prima edizione italiana.
Purtroppo anche loro hanno stampato (sì, stampato, non si stacca!!!) sulla copertina il bollino dorato che celebra il ventennale, e in più posizionato in un punto diverso per ogni libro della saga.
Sappiate, cari editori, che esiste un girone dell'inferno specifico per voi e i vostri bollini!!




Se non avete mai letto Harry Potter questo è l'anno giusto per iniziare. Le edizioni in italiano tra cui scegliere sono molte: si inizia ovviamente con quelle nuove per il ventennale e si torna indietro tra copertine diverse, sia rigide che morbide, e traduzioni diverse. Oggi è sicuramente più facile trovare le edizioni con la traduzione nuova e a prezzi accettabili, ma più andrete indietro con le edizioni e più il vile mercato vorrà da voi sempre più soldi, arrivando alle primissime copie che sono praticamente introvabili.
Non dimenticatevi che ci sono anche le straordinarie edizioni illustrate, che un appassionato non può certo lasciarsi scappare, e che escono una all'anno (per ora siamo al terzo volume) QUI trovate il primo per cominciare una collezione costosa, ma che vale ogni centesimo.
In più c'è la nuova edizione di Gli animali fantastici: dove trovarli anche questa illustrata e veramente magnifica. A quest'ultimo volume si ispira la nuova saga cinematografica a cui la Rowling sta lavorando, in cui racconta le vicende di Newt Scamander e che quest'anno vedrà l'uscita nelle sale del secondo capitolo.
E in finale, per festeggiare come si deve i vent'anni di quest'opera straordinaria che ha un posto speciale nel cuore di molti di noi, da questo mese fino a settembre alla Fabbrica del vapore a Milano ci sarà Harry Potter the Exhibition. Una mostra in cui si potrà ammirare il materiale ispirato ai set della saga cinematografica, con ambientazioni tratte dalle più famose location dei film, vedere i costumi autentici, gli oggetti di scena e le creature fantastiche usate durante le riprese.
Io ci andrò sicuramente, e voi?


Calendario
Gli hashtag per seguirci sui social sono:
#maggiodeilibri #BlogNotesMaggio e #VogliamoLeggere
Come sempre vi lascio qui sotto il calendario con i link utili per non perdervi gli altri appuntamenti della settimana

Lunedì cominciamo la settimana con Valentina e La Biblioteca di Babele
Martedì siamo qui tra gli Appunti
Mercoledì andiamo tutti da Simona di Letture Sconclusionate
Venerdì mattina con Angela Cannucciari e nel pomeriggio torniamo da Letture Sconclusionate
Sabato sul canale di Selvaggia
Domenica chiudiamo la settimana con Giada di Dada who?

In aggiunta vi segnalo anche il blog di #blognotes libri, il Tè tostato di Laura Ganzetti e poi anche: Maria Di Cuonzo, Andrea di Un antidoto contro la solitudine, Diana di Non riesco a saziarmi di libri e Francesca di Gli amabili libri.

giovedì 3 maggio 2018

#IlMaggioDeiLibri: La #Libertà di leggere || #BlogNotesMaggio

La seconda settimana di Il Maggio dei Libri abbiamo deciso di dedicarla alla #Libertà, in varie forme e declinazioni come potrete vedere dai diversi post delle mie colleghe (calendario con i link a fine post).
Si potrebbero fare grandi e profonde riflessioni sulla libertà in senso generale, toccando argomenti decisamente importanti e seri come possono esserlo la politica, i diritti umani, le religioni, o anche la libertà di pensiero, d'opinione e molto altro. Temi impegnativi che non ho le competenze di affrontare fino in fondo, ma che si possono sfiorare anche riflettendo su un concetto più semplice e leggero come la libertà di leggere.
Lettura e libertà sono due termini che, a mio parere, vanno proprio a braccetto, l'uno non dovrebbe esistere senza l'altro e, scadendo proprio sul banale, voglio concentrarmi sulla libertà che ogni lettore ha di scegliere cosa dove come quando e perché leggere.
Vediamo più nel dettaglio.

Il sogno di molti di noi: la libreria della Bella e la Bestia!!

COSA leggere
Se vi fate un giretto su internet troverete un'infinità di liste, compilate da chicchessia, di libri da dover leggere: i 100 libri da leggere prima di morire; i 20 libri da leggere se hai trent'anni; i migliori libri per bambini/ragazzi; i 10 libri da leggere se sei triste/angosciato/ti è morto il gatto; i libri da leggere per ridere/piangere/che ti cambieranno la vita/ che ti faranno toccare il cielo con un dito; e così via...
Insomma liste per qualsiasi argomento, per qualsiasi momento della vostra vita. Una persona, seguendo per tutta la vita queste indicazioni sicuramente non resterebbe mai senza libri da leggere, perché veramente qui si possono trovare libri di tutti i generi; e se il fatto che siano principalmente libri classici non vi alletta e vorreste leggere anche qualcosa di contemporaneo, basta integrare con le classifiche dei migliori libri che vengono stilate ogni anno.
Oppure ci sono quei lettori snob che sono convinti di sapere cosa sia giusto leggere e cosa no. Quelli che se vedono in libreria qualcuno con in mano un libro un po' più leggero di "Alla ricerca del tempo perduto" di Proust, assumono un'espressione schifata e se ne vanno con aria indignata. Convinti che uno non sia un vero lettore se legge romance, o i best seller del momento, oppure libri di un qualsiasi genere che lui non approva.
Queste cose limitano molto la libertà individuale. Non si dovrebbe mai essere costretti a giustificarsi per le letture che si fanno, a vergognarsi dei propri gusti letterari, oppure a giudicare gli altri per quello che leggono, né leggere qualcosa perché un pinco-pallino qualsiasi lo ritiene assolutamente indispensabile da inserirlo in una lista. Leggere è un atto soprattutto individuale e personale che ci appaga, ci rilassa ed è piacevole, se diventa un obbligo o un'imposizione non ha più senso farlo.
Quindi COSA leggere? Esattamente quello che volete, sempre e comunque. Non fatevi tanti problemi e leggete sempre secondo il vostro gusto personale, lasciandovi trasportare dal vostro istinto e dalle emozioni del momento; se un libro vi sembra interessante dategli una possibilità, qualunque sia il suo genere, se non stuzzica il vostro interesse passate oltre, ci sarà sicuramente qualcos'altro che fa al caso vostro.

DOVE leggere
I posti sono tanti ed è impossibili elencarli tutti. Personalmente il mio posto preferito per leggere è il mio letto: ogni sera chiudo la porta della camera, accendo l'abat-jour sul comodino, mi infilo sotto le coperte, sistemo tre cuscini dietro la schiena e mi abbandono alla lettura del libro del momento.
Mi piace molto leggere anche in treno, è il mezzo ideale secondo me, anche perché si muove meno di una corriera o di una macchina e quindi non rischio di passare tutto il viaggio con la nausea. Purtroppo da quando ho finito l'università non viaggio più così tanto in treno, ma quelle poche volte l'anno che mi capita di prenderlo ho sempre un libro a farmi compagnia.
So di gente che legge in fila al supermercato, mentre mangiano, o mentre aspettano che bolla l'acqua per la pasta, oppure in macchina mentre sono in colonna (ogni riferimento a persone realmente esistenti è puramente casuale).
Io non sono mai stata una persona che legge ovunque e non ho sempre un libro con me ogni volta che esco di casa. Ho bisogno di tranquillità per leggere e soprattutto mi porto un libro solo quando so che avrò tempo per leggerlo, come nella sala d'attesa del medico, del dentista o alle poste.
Ma la libertà di leggere include anche la libertà di poter scegliere dove vogliamo leggere: a casa, sui mezzi pubblici, in luoghi pubblici, all'aperto, sul letto, sul divano o per terra, in spiaggia, in un giardino, insomma in tutti i luoghi in tutti i laghi...

COME leggere
Come il dove, anche il come può includere molte posizioni da poter assumere durante la lettura.
Io personalmente mi trovo bene a leggere seduta. Non leggo mai distesa, nemmeno quando sono a letto, perché altrimenti nel giro di cinque minuti perderei la sensibilità delle braccia e mi ritroverei come Ace Ventura in missione Africa.
Sì, sono una persona con poca fantasia e per nulla intraprendente, quindi per leggere mi metto solo comodamente seduta, perché in qualsiasi altra posizione perderei sicuramente la sensibilità a parti importanti del mio corpo.
Ma se voi preferite stare distesi, a pancia in su, a pancia in giù, con le gambe accavallate, in ginocchio, a testa in giù, in piedi... Non vi vergognate, qui il principio è sempre la libertà che ognuno di noi ha nel decidere come leggere, trovando sempre la posizione più comoda.
Senza entrare nello specifico, i modi in cui mettersi per leggere sono talmente tanti, da i più comodi e tradizionali ai meno confortevoli ma più stravaganti, che si potrebbe quasi creare un kamasutra dell'arte del leggere... forse è meglio che qui mi fermi perché questo argomento mi sta portando su un terreno scivoloso e leggermente scabroso, ma la mia idea è di un divertente manuale illustrato (dove divertente è la parola chiave).
Oltre alla posizione possiamo parlare anche del modo in cui leggere: lento o veloce.
Ci sono persone che leggono più veloce di altre, ognuno ha il suo personale ritmo; e a volte ci sono libri che richiedono più tempo di altri, perché più difficili o semplicemente più belli, talmente belli da non volerli finire troppo in fretta.
In ogni caso ricordate che leggere non è mai una gara, bisogna assecondare il ritmo di lettura che ci suggerisce ogni singolo libro. Può essere piacevole passare più tempo in compagnia di alcune pagine, per assaporarle meglio e dare loro il tempo di lasciare un segno in noi; o potrebbe essere altrettanto bello scorrere veloce da capitolo a capitolo, per ritrovarsi quasi senza fiato alla fine e sentire di aver vissuto quel libro con l'entusiasmo del momento.

QUANDO leggere
Non perdiamoci in troppe chiacchiere a questo punto. Ogni lettore appassionato sarà d'accordo con me quando dico che ogni momento è buono per leggere!!
Come abbiamo detto prima che tutti i luoghi vanno bene per leggere, anche ogni momento è indicato per farlo, basta che se ne abbia voglia.
Io preferisco sempre la sera, prima di andare a dormire, quando la casa è silenziosa e io posso rilassarmi e concentrarmi totalmente sulle pagine che ho davanti. Ma tante persone riescono a leggere anche in luoghi affollati e caotici, perché riescono a isolarsi completamente e non sentire il frastuono che le circonda. Provo molta invidia per queste persone (mia madre è una di loro), perché io non ce la faccio e ho bisogno che non ci sia troppo rumore intorno a me altrimenti mi distraggo subito, infatti all'aperto o ad esempio in spiaggia è quasi impossibile per me leggere qualsiasi cosa.
Quando il non lettore di turno mi dice: "Quando trovi il tempo per leggere? Io non ho mai tempo!!" mi viene da sorridere perché penso: "Non è vero che non hai tempo, non hai voglia piuttosto". Leggere, come qualsiasi altra attività, porta via del tempo è normale, quindi diventa una questione di priorità.
All'amico non lettore che mi fa quella domanda davanti all'aperitivo serale gli rispondo che piuttosto di passare tutte le sere al bar, mi leggo un libro e al bar magari ci vado solo un'oretta al sabato prima di cena; che invece di passare ore davanti alla televisione a non guardare nulla di interessante mi leggo un libro (e ve lo dice una che guarda un sacco di televisione comunque); che piuttosto di stare sempre con il cellulare in mano a scorrere apaticamente la bacheca di Facebook in ogni momento libero magari è meglio se apro un libro e mi leggo due pagine; che se sto male o sono triste, piuttosto di stare distesa a fissare il soffitto e lamentarmi, preferisco concentrarmi su una storia interessante che mi occupi la mente per qualche ora.
Ecco, il concetto è sempre cosa hai voglia di fare e la libertà sta proprio nel poter scegliere di leggere in quel determinato momento perché si ha voglia di farlo; senza dimenticare però che se invece si ha voglia di fare altro, qualsiasi altra cosa, e per un po' si vogliono accantonare i libri perché magari non si ha la mente abbastanza sgombra per leggere, va bene lo stesso.

PERCHÉ leggere
Se vogliamo essere profondi e fare grandi riflessioni si può dire che leggere è sempre stato un mezzo che l'uomo ha usato per elevarsi e arrivare più lontano. Fa crescere, fa riflettere, libera la mente e alimenta il pensiero, anche e soprattutto quello critico; per questo è un'attività che non è mai stata accettata da nessuna dittature, ma che anzi tutte le dittature del mondo hanno cercato di sopprimere e di influenzare, selezionando le letture accettate e quelle no.
La lettura ci apre alla conoscenza, alla bellezza e alla consapevolezza di noi stessi e del mondo che ci circonda. Leggendo si può venire a conoscenza di altri luoghi del mondo, di altre situazioni diverse dalla nostra, di epoche che non abbiamo vissuto, persone che ci possono ispirare, ma anche di posti  e avventure incredibili che non saremmo riusciti a immaginare da soli, ti può aprire gli occhi su alcune situazioni e ti può far comprendere diversi punti di vista.
Se si vuole accrescere la propria conoscenza in un determinato argomento, basta leggere un libro su tale argomento e questo può portare anche a scoprire altre cose che ci interessano e quindi leggere altri libri a riguardo, aumentando sempre di più la nostra conoscenza sulle cose che ci appassionano.
È uno splendido cane che si morde la coda.
Potremmo stare qui ore a elencare tutti i motivi più importanti per cui bisognerebbe leggere, ma ce n'è uno che è il più semplice e immediato che conosco: perché è bello!!
Leggere è un'attività piacevole, che rilassa e ci fa stare bene. Permette di dare un significato positivo a parole come solitudine e individualità. Per nessuno se non per un lettore queste due parole hanno una valenza positiva, che stimola subito alla lettura, e racchiudono al loro interno la promessa di grandi avventure, storie coinvolgenti e la speranza di qualche ora trascorsa in tranquillità.

Calendario
Come sempre vi lascio qui sotto il calendario con i link per non perdervi gli altri appuntamenti della settimana e gli hashtag per seguirci sui social sono:
#maggiodeilibri #BlogNotesMaggio e #VogliamoLeggere

Lunedì abbiamo cominciato la settimana con Valentina di La Biblioteca di Babele
Mercoledì mattina con Nereia di LibrAngolo Acuto e nel pomeriggio Simona di Letture Sconclusionate
Giovedì mattina da Erica La Leggivendola e nel pomeriggio qui da me
Venerdì mattina con Angela Cannucciari e nel pomeriggio doppio appuntamento: prima da Francesca Gli amabili libri e poi di nuovo da Letture Sconclusionate
Sabato mattina sul canale di Selvaggia e nel pomeriggio con Paola Sabatini ospite da Letture Sconclusionate
Domenica mattina con Barbara di Librinvaligia e chiudiamo nel pomeriggio con Giada di Dada who?

In aggiunta vi segnalo anche il blog di #blognotes libri, il Tè tostato di Laura Ganzetti e poi anche: Maria Di Cuonzo, Andrea di Un antidoto contro la solitudine, Diana di Non riesco a saziarmi di libri 

giovedì 26 aprile 2018

#IlMaggioDeiLibri: Cominciamo con le nuove uscite

Lunedì 23 aprile scorso è ufficialmente ricominciato Il Maggio dei Libri l'iniziativa, a livello nazionale, che mira a promuovere la lettura con iniziative di diverso genere.
E oggi il mio blog riprende la sua attività grazie anche al mio coinvolgimento, per il secondo anno, in questa iniziativa in cui credo e che mi convince ogni anno di più.
Anche quest'anno sarò affiancata da bravissime blogger e vlogger e, con il nostro progetto di pubblicazioni giornaliere, cercheremo di trasmettere la nostra passione per i libri e di tutto il mondo che vi ruota attorno. L'idea è di creare un potpourri di post e video ricchi di contenuti interessanti e originali, in cui ognuna di noi parlerà a modo suo di questa fantastica passione che ci accomuna: la lettura.
Alla fine del post troverete tutti i link utili per seguire anche le altre lettrici e gli hashtag per trovarci nei social.


Ho deciso che non c'era modo migliore per me di dare il via a il mio #maggiodeilibri se non spulciando le nuove uscite di questo mese, di alcune delle mie Case Editrici preferite.
Così... perché le nostre Wishlist non sono mai troppo lunghe.


Uscito il mese scorso, oggi già alla sua prima ristampa, Maestoso è l'abbandono di Sara Gamberini si preannuncia un libro molto intrigante
.
Questa è la storia di una donna, e del suo pensiero magico, che giorno dopo giorno le si attacca addosso. È la storia di quello che si nasconde tra le pieghe del reale ed è invisibile. La incontriamo, dopo troppi campari, davanti a una porta chiusa, alla prese con un  addio maldestro e poetico: la decisione di abbandonare, dopo anni - secoli? - di sensi di colpa e compassione, di fallimenti e rimpianti, un  uomo al quale non crede più. "Mi capita di aspettarlo ancora, azzero per un momento la vastità dei fenomeni incomprensibili ed entro di nuovo lì, dove si poteva credere a tutto e io venivo fermata, risarcita, protetta."


Lo zucchero caria i denti e fa male al cuore, per questo le storie troppo romantiche non mi piacciono. L'amore a vent'anni di Giorgio Biferali sembra proprio un libro non infarcito di smanceria, ma in grado di raccontare una storia d'amore realistica e veritiera, con le sue sofferenze e i suoi segreti.

Giulio e Silvia abitano nella stessa via, ma si conoscono in facoltà. Lui, cresciuto insieme a due fratelli più grandi e genitori che stanno insieme da sempre, è ancora legato al ricordo di amori infantili fatti di sguardi fugaci e imbarazzi; lei, costretta a vivere con una madre che non sopporta, ha varie storie tormentate alle spalle e si crede ormai incapace di legarsi a qualcuno. Sullo sfondo di una Roma umorale e capricciosa, Giulio imparerà che l'amore è qualcosa di molto diverso da ciò che leggeva nei libri e vedeva nei film: è un nuovo modo di guardare il mondo e di sentire le cose, e una forza capace di trascinarti ovunque - ache a scoprire, in un fatale giorno di fine estate, il più inaspettato e beffardo dei segreti.


Mi sposto un attimo sulla saggistica per proporvi un libro estremamente attuale, che tratta un argomento che mi interessa tantissimo, che cerco di approfondire ogni volta che posso e che, secondo me, dovrebbe essere preso più seriamente. Liberi di crederci di Walter Quattrociocchi e Antonella Vicini ci guida attraverso la grande disinformazione che regna ai giorni nostri, cercando di capire i pericoli che essa comporta.

L'avvento di internet, e soprattutto dei social network, ha facilitato l'accesso a una grande massa di informazioni senza mediazioni, e ha generato la pretesa che questa porta d'ingresso conducesse alla conoscenza. La rete però pare stia tradendo le aspettative di molti, producendo, più che un'intelligenza, una disinformazione pericolosa (e spesso strumentalizzata) e una grave radicalizzazione nell'opinione pubblica. Il World Economic Forum nel 2013 ha inserito la disinformazione come minaccia globale, e oggi molte di quelle minacce (da Trump alla Brexit, fino ai movimenti antivaccinisti) sembrano aver preso forma; e secondo l'autorevole Oxford Dictionary, post-truth è la parola del 2016.


Un altro capitolo della "saga" (passatemi la parola) che Wendell Berry ha messo in piedi raccontando le vicende quotidiane delle famiglie che abitano il piccolo centro agricolo di Port William nel Kentucky. Questa volta I primi viaggi di Andy Catlett ci parla di un ragazzo che diventa uomo.

Negli ultimi giorni del 1943, Andy Catlett, un ragazzino di nove anni, parte da solo in autobus per far visita ai nonni nelle campagne del Kentucky. Prima raggiunge la casa della famiglia paterna, dove non c'è neppure l'elettricità, e poi quella della famiglia della madre, più moderna ma altrettanto austera. È un viaggio di appena dieci miglia che lo allontana dai genitori per pochi giorni, ma è un rito di passaggio all'età adulta.
Mentre seguiamo la vicenda del ragazzo, dietro cui s'indovinano frammenti dell'infanzia dell'autore, scopriamo che la voce narrante è in realtà quella di un Andy ormai anziano. Il racconto si intreccia così ai pensieri dell'uomo adulto, divenendo l'occasione per una riflessione sul tempo e sul modo in cui cambia la visione del mondo nel corso della vita


Fazi punta ancora sulle saghe e pubblica il primo romanzo del ciclo della Primula rossa scritto nel 1905. La primula rossa di Emma Orczy è un ibrido tra spy story, romance e romanzo d'avventura, che ha ispirato molti adattamenti cinematografici e televisivi.

Parigi, anno di grazia 1792. Il Regime del Terrore semina il caos. I "maledetti aristos", sventurati discendenti delle famiglie aristocratiche francesi, vengono mandati a morte dall'implacabile tribunale del popolo: ogni giorno le teste di uomini, donne e bambini cadono sotto la lama della ghigliottina. Ma in loro aiuto interviene un personaggio inafferrabile e misterioso, il quale, attraverso rocambolesche e ingegnose fughe, riesce a portare oltremanica i perseguitati del regime. Dietro di sé non lascia tracce, se non il proprio marchio: un piccolo fiore scarlatto, che gli varrà il soprannome di Primula Rossa. Ma chi si cela dietro questo pseudonimo? Chi è l'audace salvatore, disposto a rischiare la propria vita in nome della nobile causa? L'incognita ossessiona l'astuto e crudele funzionario del governo francese Chauvelin e affascina l'alta società inglese, ma la soluzione del mistero si rivelerà tanto insospettabile quanto geniale.


Un nuovo breve romanzo di Annie Ernaux. L'autrice è famosa per raccontare sempre una parte di sé e della sua vita nei suoi scritti e anche questa volta Una donna non fa eccezione.

Pochi giorni dopo la morte della madre, Annie Ernaux traccia su un foglio la frase che diventerà l'incipit di questo libro. Le vicende personali emergono allora dalla memoria incandescente del lutto e si fanno ritratto esemplare di una donna del Novecento. La miseria contadina, il lavoro da operaia, il riscatto come piccola commerciante, lo sprofondare nel buio della malattia e tutt'attorno la talvolta incomprensibile evoluzione del mondo, degli orizzonti, dei desideri


E chiudo con un libro che nemmeno io mi sarei mai aspettata di trovare anche solo citato qui nel mio blog. Mi rendo conto che Farabeuf o la cronaca di un istante di Salvador Elizondo appartiene a un genere da me poco esplorato, per non dire per nulla, ma la trama mi ha incuriosito troppo per lasciarmelo sfuggire. E poi leggere serve anche a volgere lo sguardo verso nuovi orizzonti.

Farabeuf è un congegno narrativo spietato ed erotico, il tentativo estremo di raccontare un fermo immagine nel tempo di un racconto: l'istante di supplizio e piacere tra una coppia di amnti che giocano e si trasfigurano nel Dottor Farabeuf e la sua assistente, si travestono, cambiano maschere, viaggiano verso Oriente. Un amalgama di amore, sesso e morte che attraverso una scrittura incisiva, corporea e avanguardista assieme, ritorna sui suoi passi e rilancia in modo magico, come un'arte combinatoria antica, l'esperienza del lettore contemporaneo


Ho cercato di variare il più possibile con i generi in modo da accontentare un po' tutti e comunque non ci sono riuscita comunque, perché ho tralasciato tante altre uscite accattivanti, di cui magari vi parlerò un'altra volta. Ma bisogna ammettere che ho raggruppato un bel po' di romanzi veramente interessanti, che sono finiti tutti immediatamente nella mia Wishlist.


Calendario
Come accennato all'inizio del post ora è il momento del calendario di questa prima settimana del #Maggiodeilibri, in cui troverete tutti i link necessari per seguire anche le altre blogger e vlogger.
Se volete trovarci anche nei social potrete farlo con gli hashtag:
#maggiodeilibri #BlogNotesMaggio e #VogliamoLeggere

Lunedì ha dato il via al progetto Librangolo Acuto
Martedì mattina il video di Selvaggia e nel pomeriggio ospiti di La Biblioteca di Babele
Mercoledì da Letture Sconclusionate in collaborazione con una lettura di Angela Cannucciari
Giovedì mattina tutti a casa de La Leggivendola e nel pomeriggio qui da me
Venerdì mattina di nuovo da Angela Cannucciari e al pomeriggio da Letture Sconclusionate
Domenica chiudiamo la settimana con Paola Sabatini ospite negli spazi di Letture Sconclusionate

martedì 12 dicembre 2017

I MIEI Più LIBRI ( Più LIBERI ) 2017

Come ogni anno, dicembre per me non vuol dire solo addobbare casa con luci e festoni, correre alla ricerca dei regali "perfetti" (che poi non lo sono mai), freddo, neve (quando si degna di farsi vedere), dolci e feste... il tutto condito con la trepidante attesa del giorno di Natale e della fine dell'anno.
No. Per me dicembre vuol dire prima di tutto Più Libri Più Liberi. La fiera nazionale della piccola e media editoria, che si tiene a Roma  ogni anno in questo periodo (dal 6 al 10 dicembre).
Quest'anno l'evento ha cambiato sede e si è svolto al Convention Center - La Nuvola, aperto per la prima volta al pubblico proprio per l'occasione.

Foto dalla pagina Facebook di Più Libri Più Liberi
Questa è praticamente l'unica occasione, per me, di vedere amiche e amici con i quali riesco a parlare e confrontarmi solo attraverso il web, durante il resto dell'anno.
Bei momenti in cui ci si abbraccia, ci si bacia, si sorride e in un attimo mi sento come a casa, circondata da facce che conosco e che, anche se non vedo tutti i giorni, ormai fanno parte della mia quotidianità nel web, attraverso il blog e le mie pagine social.

i regali ricevuti
Come ogni anno ero al seguito di Simona di Letture Sconclusionate, che come ogni anno mi ospita e mi sopporta per 3/4 giorni, scarrozzandomi a destra e a manca, presentandomi sempre agli editori e preoccupandosi per me come una seconda mamma-chioccia (grazie!).
Ho rivisto con immenso piacere anche Irene di LibrAngolo Acuto, ma che ho potuto abbracciare solo per mezza giornata, perché poi ha dovuto trascorrere un po' di tempo con la famiglia, giustamente, prima di tornarsene nella bella Barcellona.
Quest'anno ho conosciuto anche Maria, di cui Simona mi ha parlato tantissimo, e sono felice di poter associare un volto a un account Twitter che seguo da quasi due anni.
Sempre simpaticissime e gentilissime, mi hanno coperta di regali appena arrivata. Naturalmente libri!! Perché tra di noi ci regaliamo solo libri!!
Così ora nella mia libreria si trovano due bellissime edizioni Penguin grazie a Irene (che potete vedere qui accanto); l'autore preferito di Maria, Valentino Zeichen, e la raccolta delle sue poesie più belle; un libro Exòrma  sempre molto gradito e la raccolta di racconti di Vasilij Grossman edita da Adelphi, regalati da Simona.

Ora è arrivato il momento di mostrarvi cosa mi sono regalata io, cosa ho comprato quest'anno (che potete vedere nelle foto qui sotto).
Prima di tutto vi devo dire che il giovedì mattina, prima di andare in fiera, Simona mi ha portato per la prima volta al mercatino dell'usato, dove sono riuscita a trovare molti titoli interessanti che cercavo da molto tempo, tra cui alcuni libri che regalerò a parenti e amici e una bellissima edizione Rizzoli in copertina rigida di Radici di Alex Haley del 1978, che non vedo l'ora di leggere!!
i miei acquisti
Dopo questa bella scorpacciata di libri usati, in fiera ci siamo state poche ore nel pomeriggio, e mentre Simona era impegnata in un'intervista, io ho avuto la possibilità di fare un giro e fermarmi allo stand di Mattioli 1885 e prendermi Un sogno di Natale, e come si avverò di Louisa May Alcott, per desideravo qualcosa di natalizio da leggere in questi giorni; e poi mi sono recata apposta allo stand della Regione Umbria per poter trovare i libri di una delle mie case editrici preferite, cioè la Jo March e mi sono portata a casa Il castello blu di Lucy Maud Montgomery, loro ultima pubblicazione, e il Quaderno di viaggio un taccuino in cui annotare i propri viaggi e arricchito da alcuni brani del testo "Il viaggio in Europa. Appunti e consigli per le donne" di Mary Cadwalader Jones, pubblicato nel 1900.
Il venerdì è stato il giorno più impegnativo, stancante, ma senza ombra di dubbio il più bello che io abbia passato in fiera quest'anno. Gran parte della giornata (per non dire praticamente tutta) l'ho passata in compagnia di Eva di La libreria di Eva, che finalmente ho conosciuto di persona e non potete immaginare quanto questo mi abbia fatto piacere. Non è da molto che ci conosciamo virtualmente, ma le nostre affinità letterarie sono spiccate subito. Abbiamo molti punti d'incontro io e Eva: dal genere di letture che facciamo o che ci piacerebbe fare (come la saga dei Cazalet), all'idea che entrambe abbiamo dei nostri rispettivi blog e di come vogliamo continuare a gestire i nostri spazi.
Sono felice di aver portato questa amicizia nella vita reale, aver potuto parlare finalmente faccia a faccia di libri, circondate dai libri, comprando libri... Sì, mi bastano queste poche cose per rendermi felice!!
le belle copertine Lindau
Un'altra cosa che io e Eva abbiamo in comune è la necessità di ricercare libri che trattano di argomenti impegnativi, a volte scomodi, appassionanti, coinvolgenti, storie vere e molto spesso di attualità. Per questo mi ha convinto molto facilmente a comprare Le irregolari: Buenos Aires Horror Tour di Massimo Carlotto edito da Edizioni E/O, che racconta la dittatura argentina: la metodologia della desapariciòn, i campi di concentramento clandestini, i bambini trattati come bottino di guerra, la persecuzione degli ebrei argentini. Tutto basato su fatti e personaggi veri e reali.
Quest'anno mi sono avvicinata a due case editrici "nuove" (tra virgolette perché le conosco da un po' di tempo, ma non ho mai letto nulla pubblicato da loro).
La prima è LiberAria Editrice dalla quale ho portato a casa Fiabe così belle che non immaginerete mai di Ivano Porpora, che doveva essere mio perché mi ha fatto ridere subito dalla prima pagina; e un saggio molto attuale perché parla di Serie TV e del potere che esercitano sullo spettatore, che si intitola Addicted. Serie TV e dipendenza a cura di Carlotta Susca.
L'altra casa editrice è Edizioni Lindau di cui sono innamorata delle loro copertine da anni, della serie che quasi non mi interessa la trama se il libro ha queste copertine (ho detto quasi). Così posso dire di aver esaudito un mio personale (e un po' perverso) desiderio e ho comprato Hannah Coulter di Wendell Berry che desideravo da quando uscì tre anni fa, e che secondo me ha anche la copertina più bella. E poi Simona ha amplificato il mio giubilo regalandomi anche Jayber Crow dello stesso autore.

Anche quest'anno sono tornata a casa con un bel bottino, di cui sono molto fiera e come sempre non vedo l'ora di poterli leggere tutti questi libri.
Il mio Più Libri Più Liberi ogni volta è caotico e al suo interno sembra che il tempo acceleri in modo esponenziale, tutto passa troppo in fretta lasciando una gran stanchezza a livello fisico e mentale. Ma ne vale sempre la pena per le emozioni che si provano, le risate genuine, le novità editoriali da conoscere e le persone da incontrare, da abbracciare e che ti riempiono il cuore.
Anche quest'anno la fiera si è conclusa troppo in fretta e in un batter d'occhio, da che ero appena partita, mi sono ritrovata a casa mia, al nord, che mi ha accolto con una bella nevicata.
Nonostante l'intensità e la velocità con cui ho vissuto questa esperienza, c'è stato anche il tempo per porci alcune domande di vitale importanza, che come tali non hanno ancora ricevuto una risposta chiara e univoca. Ad esempio:
Questa edizione della fiera è piaciuta di più?
Era più grande e quindi si respirava meglio, oppure era troppo dispersiva?
Tutta quella gente ha fatto ore di coda solo per vedere La Nuvola?
Avranno permesso a Zerocalcale di alzarsi ogni tanto e andare in bagno? (io per due giorni, ogni volta che passavo, lo vedevo seduto allo stand Bao Publishing ad autografare libri... secondo me ci dormiva anche lì)
Ma soprattutto, la cosa più importante... quella domanda esistenziale che ti tiene sveglia la notte, che ti tormenta, che è seconda solo alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto... insomma quella domanda che ti fa prudere il cervello:
Ma come la puliranno La Nuvola?
Cioè ragazzi, è un'enorme telo di plastica bianco, un'altro po' di persone che passano e lo toccano e lui si insozza tutto!! Pensateci...

venerdì 1 dicembre 2017

THE END OF THE YEAR || BOOK TAG

Pochi Tag faccio in questo spazio, il più delle volte perché non mi piacciono le domande che ci sono. Questo l'ho visto fare a molti youtuber, ma nemmeno questa volta mi convinceva fino in fondo. Ma dato che mi sembrava carina l'idea di tirare le somme di un intero anno di letture, l'ho un po' modificato togliendo domande e aggiungendone altre trovate qui e la. Così questo è diventato il mio The end of the year book tag.

Cominciamo, sono solo sette domande:


1. Con quale libro hai iniziato il 2017?
Il primo libro letto nel 2017, ma che in realtà avevo già cominciato nel 2016, è stato I nerd salveranno il mondo di Fulvio Gatti. Un libricino piccolo, ma ricco di contenuto, edito da Las Vegas Edizioni e che io avevo comprato a Più Libri Più Liberi, facendomelo anche autografare dall'autore.
Un bel saggio, divertente e accattivante, che restituisce una perfetta fotografia della cultura pop e di ciò che vuol dire essere nerd.


2. Qual è il libro più corto, e quale il più lungo, che hai letto quest'anno?
Il più corto che ho letto è stato L'altra figlia di Annie Ernaux che ha solo 88 pagine. La lunga lettera che la Ernaux scrive alla sorella scomparsa ancora prima che lei nascesse e quindi mai conosciuta, ma di cui si è sempre sentita la presenza e che ha avuto una forte influenza nella sua vita.
Il più lungo invece è stato Charlotte Brontë. Una vita appassionata di Lyndall Gordon, che in 509 pagine racconta con precisione e molti particolari la vita di una delle sorelle Brontë. Una biografia ricca ma scorrevole, che si legge proprio come un romanzo avvincente e appassionante. Un grande e sincero omaggio a una delle scrittrici migliori di ogni tempo, che io ho letto in onore del compleanno di Charlotte Brontë, dedicandole per l'occasione una puntata di FINGERPOST: indicazioni per..., che tornerà molto presto con una puntata dedicata a Jane Austen!!

3. Ci sono libri che hai cominciato durante l'anno e non hai finito?
Purtroppo sì, ne ho uno e si tratta di La penultima città di Piero Calò. Ho faticato molto a seguire la storia nelle prime venti pagine, non riuscendo a capire bene la storia la cosa mi annoiava e non mi stimolava a continuare la lettura. Così l'ho abbandonato e sono passata ad altro.
Sicuramente era il momento sbagliato, ma è ancora nella mia libreria e sicuramente prima o poi gli darò una seconda possibilità.

4. Un libro letto quest'anno che ti è piaciuto e che vorresti consigliare.
Tra tutti i bei libri letti durante quest'anno io mi sento di consigliare Io sono Malala di Malala Yousafzai.
È l'incredibile biografia di Malala, una ragazza pakistana che si è battuta per il diritto all'istruzione per tutte le bambine e le ragazze del suo paese. Forte e coraggiosa, ha rischiato di morire dopo essere stata colpita al volto da una pallottola. Fortunatamente è andato tutto bene, ma Malala e la sua famiglia sono stati costretti ad abbandonare il Pakistan e rifugiarsi in Inghilterra, da dove la ragazza continua imperterrita la sua importante battaglia.
Non è solo la storia di una straordinaria ragazza che porta avanti ideali e valori giusti e universali, ma anche del coraggio e del sostegno della sua famiglia e soprattutto della sofferenza e dell'oppressione di un popolo, di cui si parla sempre troppo poco.

5. Un libro autunnale che è ottimo per la transizione al periodo invernale.
Ora vi consiglierò un libro che io non ho ancora letto, ma che secondo è ideale al periodo invernale e anche natalizio e sto parlando di Il segreto del Bosco Vecchio di Dino Buzzati. L'ambientazione mi sembra ideale per questo periodo, ideale da leggere nelle giornate più fredde dell'anno, con una coperta e un tè caldo a scaldarci. Per questo sarà sicuramente una delle mie prossime letture.

6. I tre libri che vorresti leggere assolutamente prima della fine dell'anno.
Come appena detto, uno è Il segreto del Bosco Vecchio di Dino Buzzati.
Il secondo non è per nulla inerente al periodo, ma è una nuova uscita e lo devo leggere per un gruppo di lettura che comincia proprio oggi, ed è Sleeping beauties di Stephen King. Sarà il mio primo vero King, perché ho ancora in lettura It, ma procedo con calma, non ho fretta di finirlo e sicuramente non lo terminerò prima del 2018.
Il terzo libro che vorrei leggere prima della fine dell'anno è il mio caro e vecchio Tolkien con La storia di Kullervo. Libro che è nella mia libreria dal Natale scorso e credo che ora sia arrivato proprio il suo momento. Come quello di Dino Buzzati, anche questo mi sembra ideale per il periodo invernale, magari proprio per gli ultimi giorni dell'anno.

7. Hai già dei piani di lettura per il 2018?
Grandi piani di lettura li faccio sempre, che poi fatico però a realizzare. Ho un sacco di libri nella mia libreria da leggere, tra cartacei e e-book sono veramente tanti e non riuscirò a leggerli tutti nemmeno nel 2018, anche perché ne arriveranno altri lo so... e cominceranno ad arrivare già da questo mese perché c'è la fiera della piccola e media editoria a Roma, Più Libri Più Liberi, che come ogni anno prosciuga le mie finanze.
Quindi non posso fare l'elenco di tutti i libri che vorrei leggere il prossimo anno, ma ho diversi punti fermi: prima di tutto leggere finalmente tutta la saga dei Cazalet di Elizabeth Jane Howard;  rileggere tutta la saga di Harry Potter (perché è il momento e basta); e qualche libro horror, o più o meno di quel genere, per potermi preparare al prossimo Halloween (che già aspetto con trepidazione).
Per il resto mi lascerò guidare un po' dal caso e un po' dall'istinto, ma voi continuate a seguirmi perché vi terrò costantemente informati sulle mie letture.

Siccome non voglio obbligare nessuno a rifare questo Tag vi lascio liberi di decidere. Se vi è piaciuto e volete riproporlo nella vostra pagina fate pure, ma ricordatevi di avvisarmi una volta pubblicato perché voglio venire a leggere le vostre risposte.
Però c'è una persona che vorrei taggare ed è Eva di La libreria di Eva, per ricambiare tutti i premi ai quali gentilmente mi ha nominata e perché sono curiosa di vedere le sue risposte.